• Tutta un'altra casa

Confronta gli annunci

Facciamo il punto sulla Legge di Bilancio 2018

Facciamo il punto sulla Legge di Bilancio 2018

Bonus verde
Gli interventi di sistemazione a verde delle aree scoperte private di edifici residenziali esistenti,
unità immobiliari ad uso abitativo, pertinenze e recinzioni, nonché la realizzazione di impianti di irrigazione e pozzi saranno incentivati con una detrazione fiscale del 36% delle spese sostenute dalle persone fisiche nel 2018, fino ad un massimo di 5.000 euro. Tra le spese detraibili sono incluse quelle per la progettazione e la manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.La detrazione sarà riconosciuta anche agli interventi eseguiti sulle parti comuni degli edifici condominiali. In questo caso il limite di spesa sarà di 5.000 euro per unità immobiliare ad uso abitativo. Per usufruire del bonus, i pagamenti dovranno avvenire con strumenti idonei a garantirne la tracciabilità. La detrazione sarà ripartita in dieci quote
annuali di pari importo.
Ecobonus, proroghe ed estensione alle case popolari
La detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica delle singole unità immobiliari sarà prorogata di un anno, fino al 31 dicembre 2018. Nei condomìni dovrebbe essere confermato il termine del 31 dicembre 2021. Potranno usufruire dell’ecobonus non solo gli edifici di edilizia popolare di proprietà degli Iacp, o altri enti analoghi, ma anche quelli gestiti da questi enti ma di proprietà dei Comuni.
Fondo per l’eco-prestito
Sarà istituito un Fondo che offrirà garanzie a quanti intendano chiedere un prestito per pagare gli interventi di riqualificazione energetica del proprio immobile. Il Fondo potrà avere una dotazione complessiva di 150 milioni di euro (50 milioni all’anno dal 2018 al 2020 ripartiti tra Ministero dell’Ambiente e Ministero dello Sviluppo Economico).
Caldaie e finestre, il bonus scende dal 65% al 50%
Rispetto agli anni passati, la detrazione fiscale scenderà dal 65% al 50% per le spese relative agli interventi di acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, di schermature solari e di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e a biomassa.
Sismabonus anche per le case popolari
Anche gli edifici di edilizia popolare potranno usufruire delle detrazioni fiscali per la messa in sicurezza antisismica. Restano confermate le percentuali di detrazione: si parte dal 50% per arrivare al 70% se l’intervento determina il passaggio ad una classe di rischio inferiore e all’80% se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio inferiori. Nei
condomìni, il bonus può raggiungere il 75% se l’intervento determina il passaggio ad una classe di rischio inferiore e l’85% se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio inferiori. Non cambia neanche la deadline della detrazione, fissata al 31 dicembre 2021, sia che si tratti di singole unità immobiliari che di condomìni.
Bonus ristrutturazioni anche per il 2018
In arrivo anche la proroga di un anno per la detrazione fiscale del 50%, con tetto a 96mila euro, sulle spese per la ristrutturazione degli edifici.

Post correlati

Trezzano s/N: Tradizione, sviluppo e modernità di luoghi sorprendenti

Conteso tra il lento e rilassante scorrere del naviglio e la frenesia dei centri commerciali sulla...

Continua a leggere

Edilizia italiana sempre più libera

Buone notizie per chi si sta pensando di dare una bella rimodernata alla propria casa, magari...

Continua a leggere

Mutuo acquisto più ristrutturazione casa

Il mercato immobiliare offre diverse tipologie di immobili da acquistare per i quali esiste un...

Continua a leggere

Partecipa alla discussione